MENU
+39 06 9032031
Compara

Abbronzatura: regole per una tintarella omogenea

Abbronzatura: regole per una tintarella omogenea

A quanti è capitato almeno una volta di cominciare l’estate con una scottatura, conseguente al fato che si pensava di abbronzarsi subito e senza bisogno di protezione.

Purtroppo succede ancora a molte persone e, spesso, capita perché non si conoscono i veri rischi di un’esposizione errata (lentigo solari, eritemi, ipercheratosi e tumori) che, inoltre, porta solo a scottature della pelle che vanno via velocemente e in maniera disomogenea, lasciando macchie sulla pelle.

Come ottenere una tintarella salutare

Il fototipo e la protezione solare

Come primo step bisogna comprendere un aspetto relativo all’abbronzatura: la crema solare non rallenta tale processo, anzi, applicarla aiuta a formare una tintarella omogenea e che dura più a lungo.

Per capire quale sia la crema più adatta al proprio tipo di pelle, bisogna sapere qual è il proprio fototipo, ossia l’insieme di quei tratti che ci aiutano a capire il livello di fragilità al sole (occhi, incarnato e capelli). Il fototipo viene indicato con una scala da 1 a 6 e quelli più alti resistono più a lungo quando esposti al sole, e possono applicare sulla pelle delle creme solari con SPF più bassi. I fototipi più sensibili sono quelli più bassi e hanno bisogno di una protezione più alta.

Le regole che valgono per tutti i tipi di pelle

CI sono però una serie di regole, per ottenere una tintarella omogenea, che valgono per tutti.

La salute della propria cute va curata adottando una beauty routine quotidiana, ancor meglio se indicata da un dermatologo che ha avuto modo di analizzare il tipo di pelle che si ha.

In più, è importantissimo non stendersi al sole nelle ore durante le quali i raggi solari raggiungono la loro intensità maggiore, ossia dalle 11 alle 15 circa: meglio indossare protezioni fisiche, quali cappelli in stile sombrero e abiti di cotone leggeri o, ancor meglio, restare all’ombra.

Curare l’alimentazione è indispensabile per la salute della pelle, soprattutto quando si trascorrono giornate intere al mare o in piscina: è importante assumere cibi che apportino vitamina E e carotene, elementi capaci di sostenere la produzione di melanina e che si trovano in carote, spinaci, rucola e albicocche, ma anche pomodori e cereali.

Altrettanto importante è l’idratazione della pelle, da eseguire sia dall’interno assumendo almeno un litro e mezzo di acqua e frutta e verdura di stagione su base quotidiana, sia dall’esterno con l’utilizzo di creme emollienti che stimolano la pelle e le donano elasticità o, meglio ancora, applicando un siero viso, prima della protezione solare, che è estremamente efficace nell’ottenere un’abbronzatura più omogenea.

Se vuoi approfondire l’argomento oppure porre qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.


Commenti


Lascia un commento

Nota: eventuale codice HTML verrà scartato